Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra 

Visualizza articoli per tag: modalità telematica

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

UniCOM
1° INCONTRO FORMATIVO 2020 IN MODALITA' TELEMATICA

 

 ORGANIZZARE EVENTI IN UNIVERSITÀ

TRADIZIONALI O DIGITALI: QUAL È IL GIUSTO MIX?

 

CODICE ATTIVITÀ: 14CP20

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE RAGIONI

La Comunità professionale UniCOM nasce nel dicembre 2019 dalla collaborazione tra AICUN, l’Associazione Italiana Comunicatori d’Università, che dal 1992 per statuto si occupa di comunicazione universitaria e della professionalizzazione dei suoi soci, e Co.In.Fo., consorzio specializzato nella formazione per la Pubblica Amministrazione e in modo particolare per il personale delle Università.

L’obiettivo è costruire percorsi formativi per la continua professionalizzazione di chi nei nostri Atenei si occupa di comunicazione, informazione e marketing come principale attività, ma anche per coloro che – pur lavorando in altri settori e nei diversi ambiti istituzionali – utilizzano strumenti e tecniche di comunicazione per relazionarsi con i loro pubblici di riferimento. Pensiamo per esempio a chi lavora nei Dipartimenti, nelle Scuole, nelle Biblioteche, nelle Segreterie o nei Centri di Ricerca.

Parlare di comunicazione universitaria significa parlare di un insieme di attività molto ampio che va dalla comunicazione istituzionale, alla comunicazione gestionale/organizzativa, alla comunicazione di marketing, alla comunicazione internazionale, al Customer Relationship Management (CRM), alle relazioni con gli Alumni, alle relazioni con i Media, al Social Media Management, alla gestione del web e della comunicazione digitale, all’organizzazione ed alla promozione degli eventi, alla comunicazione della ricerca, al Public Engagement e alla Terza Missione, alla comunicazione della didattica, alla comunicazione dei servizi, al Brand Image, alle ricerche di marketing, al Media planning, alla ideazione e realizzazione di materiali informativi e di pubblicazioni, all’orientamento e al tutorato, alle relazioni con il territorio e le imprese, agli stage e placement, al fund-raising.

Tutti questi temi ben si prestano per essere trattati in corsi di formazione destinati a professionisti del mestiere, ma anche, in forme diverse, a target trasversali, che per le loro attività intendono sviluppare e arricchire il proprio percorso professionale con alcune tra queste competenze anche ad un livello non particolarmente specialistico.

Un approccio “sostenibile” non orientato solo su idee ma su progetti di comunicazione, sostenibili e bilanciati nel contesto di riferimento con attenzione anche agli aspetti pratici, operativi “del come fare” e non solo “del cosa fare”.

Con la rivoluzione digitale che ha stravolto completamente il modo di comunicare e con il moltiplicarsi delle occasioni di comunicazione dirette e immediate è diventato sempre più urgente gestire la comunicazione a monte, mettendo le singole persone nelle condizioni di comunicare al meglio e in modo coordinato.

 

 

GLI OBIETTIVI

L’obiettivo principale di questo Corso è di offrire un’opportunità di crescita professionale a tutti coloro che all’interno dell’Ateneo si occupano a tempo pieno e come attività principale di organizzazione di eventi nella struttura centrale di comunicazione, ma anche a coloro che nelle strutture periferiche (Dipartimenti, Scuole, Centri di Ricerca, Biblioteche, Segreterie) si trovano a dover organizzare in autonomia o a interagire con la struttura centrale per l’organizzazione di eventi, che coinvolgono singole strutture o settori dell’Ateneo.

 

      

I DESTINATARI

Il Corso di formazione è rivolto a Dirigenti, Funzionari, Responsabili di unità organizzative, specialisti della comunicazione e a tutto il personale interessato ad approfondire la conoscenza dei processi di comunicazione nelle Università.

 

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

UniSOF 
1 ° INCONTRO 2020 IN MODALITÀ TELEMATICA

 

I PROCESSI PER LA GESTIONE DELLA FORMAZIONE

 

 

CODICE DI ATTIVITÀ: 13CP20

 

 

METODOLOGIA DIDATTICA

Questo primo appuntamento del 2020 della Comunità professionale UniSOF (Formazione & Sviluppo Organizzativo) rappresenta il “giro di boa” di un impegnativo e sfidante progetto culturale iniziato nel 2017, consistente nel saldare in modo stretto la formazione all’organizzazione, premessa per interpretare la prima in modo diverso rispetto al passato: un investimento anziché un costo.
Una sfida giocata non soltanto sul terreno tecnico-procedurale e metodologico ma, prima ancora, culturale, che ha richiesto approfonditi studi, collegamenti e adeguamenti costanti con gli indirizzi degli attori istituzionali di rifermento del sistema nazionale pubblico e universitario (Governo, MIUR, Dipartimento della Funzione Pubblica, Anvur ecc.).
Dal 2017 ad oggi, le iniziative di UniSOF hanno costruito le premesse per dare vita a una nuova stagione della formazione, che dal privilegiare visioni integrate con altri processi strategici, dal dimostrare il valore e l’importanza della propria azione a beneficio degli individui e delle organizzazioni.
La dimensione ri-fondativa di questo incontro (da UniSOF a UniSOF 2.0.) consiste nel "mettere a sistema" quanto realizzato dal 2017, passando da incontri a carattere più formativo/apprenditivo (fatti di spiegazioni, modelli, strumenti ecc.), a logiche di applicazione/utilizzazione dei contenuti appresi ai contesti d’uso nel rispetto delle loro specificità, con un orizzonte temporale di operatività di ampio respiro.

 

GLI OBIETTIVI

L’assunto che questa Comunità professionale ha condiviso e fatto proprio sta nel riconoscere l’analisi dei processi come uno strumento indispensabile per identificare “dove” e “come” agire per migliorare le prestazione di una unità organizzativa. Poiché rappresentare i processi significa, in sostanza, definire i comportamenti “attesi” degli attori organizzativi che intervengono nelle fasi di attività, la rappresentazione e l’analisi dei processi non può che essere una operazione portata avanti in condivisione da capo e collaboratori.
Il fine ultimo dell’analisi dei processi, e in particolare di quelli collegati alla gestione della formazione, è il miglioramento continuo attraverso il monitoraggio di pochi ma significativi indicatori. Da questa prospettiva, i fabbisogni formativi devono essere collegati alle esigenze di miglioramento continuo. Da qui la saldatura tra formazione, performance e dematerializzazione dei processi amministrativi.
 

DESTINATARI

Il Seminario di formazione è rivolto ai Dirigenti, responsabili e operatori dell’Area Risorse Umane, Sviluppo Organizzativo e Formazione delle Università italiane.

 

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

UniSAN 
1 ° INCONTRO 2020 IN MODALITÀ TELEMATICA

 

L'AUTONOMIA DEL MEDICO IN FORMAZIONE SPECIALISTICA

 

 

CODICE DI ATTIVITÀ: 10CP20

 

 

METODOLOGIA DIDATTICA

La formazione verrà condotta tramite webinar di streaming live.

La piattaforma utilizzata per la consegna del corso di formazione sarà Microsoft Teams.

 

LE RAGIONI

La formazione medico specialistica deve garantire allo Specializzando l’acquisizione di conoscenze, competenze e capacità professionali tali da consentigli di affrontare e risolvere in sicurezza ed autonomia i problemi clinici che competono alla propria specialità, garantendo un’assistenza di elevata qualità.

Per tali ragioni la Scuola deve offrire allo specializzando quanto necessario per la progressiva acquisizione di conoscenza, competenza e autonomia attraverso attività formative programmate e guidate.

L’iter formativo, delineato nelle linee generali e nei dettagli dalla Scuola di Specializzazione, d’intesa con le Direzioni Sanitarie delle strutture di rete per quanto attiene le attività professionalizzanti, comporta una progressione formativa che riguarda gli aspetti culturali e professionali, tra i quali fondamentale è la acquisizione della piena autonomia. 

 

GLI OBIETTIVI FORMATIVI

In tale ottica l’incontro si pone come obiettivo, non solo l’analisi del contesto normativo nazionale, regionale e ministeriale di riferimento, ma la comprensione, alla luce dello stesso, dell’evoluzione del ruolo del Medico in Formazione Specialistica, sotto il profilo professionale, anche alla luce della attuale situazione emergenziale.

L’incontro conterrà un momento di confronto tra gli operatori stessi, nel corso del quale, alla presenza di un moderatore, saranno i partecipanti a porsi interrogativi e problematiche e ad offrire spunti di riflessione, sulla base anche dell’esperienza acquisita.

  

DESTINATARI

Il Corso di formazione si rivolge ai Responsabili ed ai funzionari delle Università, delle Aziende Ospedaliero-Universitarie, dei Policlinici Universitari, delle strutture sanitarie convenzionate con gli Atenei che si occupano di Scuole di Specializzazione di area sanitaria.

Il Corso può essere d’interesse anche per Dirigenti, Responsabili e funzionari che si occupano dei rapporti tra Università e Servizio Sanitario Nazionale.

 

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

Segretariati 2.1
1 ° INCONTRO DI ISTRUZIONE 2020 IN MODALITÀ TELEMATICA

 

LA CARTA DEI SERVIZI PER I SEGRETARIATI STUDENTI

 

 

CODICE DI ATTIVITÀ: 08CP20

 

 

METODOLOGIA DIDATTICA

La formazione verrà condotta tramite webinar di streaming live.

La piattaforma utilizzata per la consegna del corso di formazione sarà Microsoft Teams.

 

LE RAGIONI

Lo strumento della carta dei servizi è ormai entrato stabilmente nell'agire delle Pubbliche Amministrazioni ed in particolare delle Università. Ha una pluralità di scopi e di fini, ma viene ancora da molti ignorato nella sua essenza e struttura. Il Corso di formazione si ripromette di dare una compiuta conoscenza delle carte dei servizi sia sotto il profilo culturale che sotto il profilo operativo, con particolare riferimento all'ambito delle segreterie studenti delle Università. 

GLI OBIETTIVI FORMATIVI

L’obiettivo del Corso di formazione è quello di rendere i discenti pienamente consapevoli del ruolo delle carte dei servizi e di come si possono costruire, con particolare riferimento all'ambito delle segreterie studenti, al fine di renderli in grado di operare in piena sinergia con gli uffici centrali in vista della loro realizzazione nell'ambito dei piani performance e delle attività di valutazione.      

  

DESTINATARI

Il corso di formazione è rivolto a tutti i dipendenti dell'università, dirigenti, responsabili di struttura, dipendenti dell'ufficio disciplinare.

 

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

UniCONTRACT
1° INCONTRO FORMATIVO 2020 IN MODALITA' TELEMATICA

 

DAL DECRETO SBLOCCA CANTIERI ALLA LEGGE DI BILANCIO 2020


LE PROCEDURE SOTTO SOGLIA, LE CONCESSIONI DI SERVIZI E LA FASE DEL PAGAMENTO

CODICE ATTIVITÀ: 06CP20

 

È STATA PRESENTATA DOMANDA DI ACCREDITAMENTO PROFESSIONALE AL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE

 

 

LE RAGIONI

Il Decreto-Legge 18 aprile 2019, n. 32, così detto Decreto Sblocca Cantieri, nel superare il regime della soft regulation, con la previsione di un nuovo regolamento unico destinato a integrare al suo interno tutte le linee guida e i decreti sino ad ora adottati, ha apportato rilevanti modifiche al regime di affidamento dei contratti sotto soglia. Ulteriori novità sono state poi introdotte anche dalla Legge di Bilancio 2020 che ha apportato modifiche al regime degli obblighi di adesione alle convenzioni quadro Consip.
L’incontro in aula rappresenta l’occasione per una analisi dell’attuale disciplina in materia di contratti sotto soglia comunitaria, con approfondimento delle maggiori criticità che la disciplina pone, anche in relazione alla specificità del settore universitario.
Nell’ambito del sotto soglia riveste una particolare attenzione la disciplina delle concessioni, argomento oggetto di ampia riflessione da parte della dottrina e della giurisprudenza, ma che trova ancora difficoltà operative nella sua concreta applicazione da parte delle stazioni appaltanti.
Alla luce di quanto sopra, è essenziale effettuare un percorso finalizzato ad una analisi dell’istituto, sia in relazione agli elementi essenziali, sia in ordine alla procedura di affidamento, con particolare riferimento alle concessioni relative a bar interni e somministrazione di alimenti e bevande tramite macchinette.
Come di consueto gli incontri di UniCONTRACT, oltre a rappresentare un’occasione di approfondimento di temi specifici, costituiscono anche momento di aggiornamento circa le ultime novità normative. In tal senso parte dell’incontro sarà dedicato allo studio delle novità apportate dal decreto fiscale (D.L. 124/2019) in tema di versamento, in capo al committente, delle ritenute fiscali sui dipendenti di appaltatore e subappaltatore, nell’ambito di uno studio complessivo della fase del pagamento.

 

 

 

GLI OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo dell’incontro è quello di preparare gli specialisti della materia dei contratti, cui principalmente l’evento è destinato, alle sfide del prossimo futuro al fine di una sempre maggiore efficacia ed efficienza nella gestione delle procedure contrattuali in modo tale che siano adeguatamente attrezzati, degli strumenti per la soluzione dei problemi che giornalmente si presentano, il tutto anche al fine di contribuire al superamento dello stato di profonda crisi che attanaglia attualmente il settore contrattuale della PA nel suo complesso.
Pertanto, i principali obiettivi didattici sono:
• acquisire piena consapevolezza
1. delle novità introdotte dal decreto Sblocca Cantieri in materia di affidamento nei contratti di acquisizione di beni e servizi sotto soglia
2. dei nuovi obblighi previsti dalla Legge di Bilancio 2020 in materia di adesione agli Accordi Quadro Consip e di Sistema Dinamico di Acquisizione

• approfondire la fase del pagamento dei contratti pubblici con particolare riferimento alle novità introdotte dal D.L. 124/2019 in tema di definizione
1. dei nuovi obblighi per il datore di lavoro
2. delle tipologie contrattuali escluse e interessate
3. degli obblighi dell’appaltatore, subappaltatore e committente
4. delle casistiche di esclusione

• esplorare il tema delle concessioni di servizi attraverso
1. il quadro normativo di riferimento, gli orientamenti dell’ANAC e della giurisprudenza
2. alcuni casi operativi in materia di servizi di ristorazione mediante bar e distributori automatici

      

   

I DESTINATARI

Il Corso di formazione, per la sua specificità e per gli obiettivi che persegue, ha come destinatari Dirigenti, funzionari, tecnici, addetti agli uffici Appalti, Contratti, Economato, i responsabili e i referenti dell’Anticorruzione nonché gli Avvocati degli Uffici legali e gli addetti agli Uffici legali.

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

UniAMM
1° INCONTRO FORMATIVO 2020 IN MODALITA' TELEMATICA

 PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E TRASPARENZA AMMINISTRATIVA NEL SISTEMA UNIVERSITARIO.
ANALISI DEL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO
E STUDIO DELLE PRASSI SEGUITE DALLA AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE (A.N.A.C.).
ESERCITAZIONI SULLA GESTIONE DEL RISCHIO ALLA LUCE DEL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE
PER IL TRIENNIO 2019-2021.

 

CODICE ATTIVITÀ: 07CP20

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LA DENOMINAZIONE DEL PROGETTO

"UniAMM" è l’acronimo di "Amministrazione Universitaria", che rappresenta sia il contesto sia lo specifico oggetto di questa Comunità Professionale.

Il progetto proposto da "UniAMM" anche nel corrente anno sarà realizzato utilizzando il "format" ormai consolidato delle altre Comunità Professionali del "Co.In.Fo." ("ISOIVA", "UniCONTRACT", "UniSOF", "UniSAN", "UniR.U". e "Segreterie 2.1"), con lo scopo di assicurare la crescita professionale del personale mediante la creazione e il rafforzamento di "Comunità di pratiche".

La Comunità Professionale "UniAMM" intende approfondire le più importanti tematiche del "Diritto Amministrativo", che non riguardano soltanto gli argomenti più tradizionali, quali, a  titolo esemplificativo e non esaustivo, le fonti del diritto, la organizzazione delle pubbliche amministrazioni, l'attività amministrativa in generale (principi costituzionali e normativi che ne costituiscono il fondamento, principali classificazioni e distinzioni, ecc.), i procedimenti, gli atti e i provvedimenti amministrativi e tutte le relative implicazioni, la tutela giustiziale e giurisdizionale, con specifico riguardo alla disciplina introdotta dal Codice del Processo Amministrativo, ma anche alcuni argomenti di grande attualità (diritto di accesso, tutela della privacy e protezione dei dati personali, prevenzione della corruzione e della trasparenza), al fine di migliorare le competenze e le conoscenze del personale tecnico-amministravo e la loro qualificazione professionale rispetto ai risultati attesi.

 

 

I CONTENUTI DELL' INTERVENTO FORMATIVO

In questo primo intervento formativo del 2020 verranno approfonditi i seguenti argomenti:

  • la disciplina della prevenzione della corruzione, come introdotta dalla Legge 6 novembre 2012, numero 190 (cosiddetta "Legge Anticorruzione"), e successivamente definita, nel dettaglio, dai principali Decreti Legislativi di attuazione (Decreto Legislativo 14 marzo 2013, numero 33, Decreto Legislativo 8 aprile 2013, numero 39, e Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, numero 62), alla luce anche delle prassi seguite dalla Autorità Nazionale Anticorruzione, che verranno analizzate con particolare riguardo al sistema universitario;
  • la disciplina della trasparenza amministrativa, come definita dal Decreto Legislativo 14 marzo 2013, numero 33, la regolamentazione degli obblighi di pubblicazione e la disciplina dell’accesso civico, sia semplice che generalizzato, come definita dal Decreto Legislativo 25 maggio 2016, numero 97, anche alla luce del bilanciamento con il diritto alla protezione dei dati personali, ai sensi del "Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati)" ("RGPD"), in vigore dal 24 maggio 2016 e applicabile a decorrere dal 25 maggio 2018, e del Decreto Legislativo 10 agosto 2018, numero 101, che contiene le "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni contenute nel Regolamento (UE) 2016/679".

 

      

 

I DESTINATARI

L'intervento formativo è rivolto ad un’ampia "platea" di destinatari, in particolare, ai "Responsabili della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza", ai "Responsabili della Protezione dei Dati Personali",  al personale delle "Segreterie del Rettore" e delle "Segreterie del Direttore Generale", al personale che svolge attività di supporto al funzionamento degli "Organi Collegiali",  al personale addetto agli "Affari Generali" e alle "Risorse Umane", al personale addetto agli "approvvigionamenti", agli "appalti" e al perfezionamento di qualsiasi  atto "contrattuale" o "convenzionale", al personale addetto alla "Area Didattica", alla "Area Servizi agli Studenti" e alla "Area Ricerca" ed al personale delle "Segreterie Amministrative" dei "Dipartimenti" e di altre articolazioni organizzative che curano, nell'ambito delle attività didattiche, il coordinamento di servizi comuni (Facoltà, Scuole, ecc.).

 

     c/o Università degli Studi di Torino - Via Verdi, 8 - 10124 Torino TEL. 011/6702290-91 - FAX 011/8140483

    E-mail: segreteria@coinfo.net - iniziative@coinfo.net       PEC: coinfo1@pec.it

SEGUICI SU