Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra 

 

Storico ricerche-intervento

Visualizza articoli per tag: streaming

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniCONTRACT
2° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' BLENDED

 

 

PROBLEMATICHE ATTUALI IN MATERIA DI CONTRATTI PUBBLICI

IN ATTESA DELLA RIFORMA DEL CODICE

La Revisione Prezzi, il Soccorso Istruttorio e l’Accordo Quadro

 

CODICE ATTIVITÀ: 41CP22

 

 

 

 

LE RAGIONI

In un momento straordinario quale quello che il Paese e l’Europa intera stanno vivendo in questi ultimi mesi si inserisce il secondo appuntamento annuale della famiglia professionale di UniCONTRACT.

L’aumento esponenziale dei prezzi dei materiali e dei servizi sta generando difficoltà operative non solo alle imprese ed ai consumatori ma anche alle amministrazioni pubbliche quali stazioni appaltanti, che si trovano a dover fronteggiare un aumento dei costi non sempre garantito da adeguate coperture economiche, per far fronte ai quali il legislatore è intervenuto più volte con provvedimenti di necessità ed urgenza e altri se ne prevedono nel prossimo futuro.

In ragione di ciò il Comitato scientifico di UniCONTRACT, dopo l’intervento già effettuato nella primavera scorsa quando è stata analizzata la normativa sull’adeguamento dei prezzi contrattuali in materia di lavori pubblici, ha ritenuto necessario ritornare sull’argomento affrontando questa volta la disciplina in materia di forniture e servizi.

A complicare ancor più il quadro generale in materia contrattuale si aggiunge lo stato di incertezza circa l’assetto complessivo della normativa sui contratti pubblici. Il 31 dicembre p.v., infatti, scade la delega conferita al Governo per la revisione del codice dei contratti pubblici.

Proprio in ragione di quanto sopra e della necessità di evitare di affrontare argomenti che potrebbero essere oggetto di sostanziali modifiche nel prossimo futuro (e che saranno oggetto di approfondimenti specifici in occasione dei prossimi appuntamenti), il Comitato scientifico ha ritenuto di approfondire istituti che, indipendentemente da eventuali riassetti, già oggi hanno una rilevanza pratica di primaria importanza, sia nell’ambito della politica gestionale e di contenimento dei costi, che per la definizione del parterre dei partecipanti alle gare.

Sotto il profilo del contenimento dei costi assume particolare rilevanza l’istituto dell’accordo quadro che, quale modello gestionale in materia contrattuale, è gravido di opportunità sotto il profilo dell’economicità della gestione e del rispetto della normativa in materia di evidenza pubblica.

Sotto l’aspetto della definizione dell’elenco dei partecipanti alla luce della loro qualificazione tecnica emerge l’istituto del soccorso istruttorio complesso ed articolato per la definizione ed i limiti di applicazione, in rapporto anche alla possibilità per le imprese di far ricorso all’istituto dell’avvalimento o a quello del subappalto.

Si è pertanto ritenuto opportuno un focus specifico sui due istituti mediante il ricorso a professionisti di chiara esperienza in materia e a moduli didattici improntati quanto più possibile all’analisi di casi concreti.

 

GLI OBIETTIVI

• Attenzionare la Revisione prezzi negli appalti di forniture e servizi

• Approfondire la disciplina dell’Accordo Quadro

• Riflettere su disciplina e rapporti del soccorso istruttorio e avvalimento

   

I DESTINATARI

L’incontro, per la sua specificità e per gli obiettivi che persegue, ha come destinatari Dirigenti, funzionari, tecnici, addetti agli uffici Appalti, Contratti, Economato, i responsabili e i referenti dell’Anticorruzione nonché gli Avvocati degli Uffici legali e gli addetti agli Uffici legali.

 

 

ISCRIZIONE

UniSOF
2° INCONTRO FORMATIVO 2022 

Condivisione dei contributi degli Atenei partecipanti e definizione del repertorio

 

CODICE ATTIVITÀ: 46CP22

 

 

In modalità telematica

7 novembre 2022 h. 14.00-18.00
Presentazione dei PW a cura dei singoli Atenei

(Entro il 20 ottobre p.v., saranno inoltrate istruzioni ai partecipanti sulla modalità di presentazione dei pw: indice e numero di slides, ecc.)

 

 

In modalità telematica

28 novembre 2022  h. 10.00-13.00
Suggerimenti dei coordinatori ai singoli Atenei sui PW realizzati
Plenaria: sintesi di quanto emerso nella prima parte

28 novembre 2022  h. 14.00-16.30

UnISOF 2023: Proposte su argomenti di interesse comune
Organizzazione evento finale di presentazione dei project work

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming.

       

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniAMM
2° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

IL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO,

AGGIORNATO CON LE RECENTI MODIFICHE NORMATIVE, COME STRUMENTO BASILARE DI CONOSCENZA

PER UN APPROCCIO PIÙ CONSAPEVOLE

E QUALIFICATO ALLE PROCEDURE DI GARA

 

CODICE ATTIVITÀ: 49CP22

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

I TEMI

 

Il procedimento amministrativo, con particolare riguardo alla struttura, alle sue fasi, ai principali interlocutori e corrispondenti profili di responsabilità

I profili di continuità e discontinuità tra procedimento amministrativo e procedimento evidenziale per l’affidamento di lavori, servizi e forniture, focalizzando l’attenzione sul raffronto tra Responsabile del procedimento e RUP

 

 

 

     

I DESTINATARI

L'intervento formativo è rivolto ad un’ampia "platea" di destinatari, in particolare, a:

  • Responsabili del Procedimento
  • Responsabili Unici del Procedimento
  • Referenti, Componenti degli organismi di controllo, Dirigenti/Responsabili e Funzionari operanti nell’ambito dei procedimenti amministrativi degli Atenei nonché Dirigenti/Responsabili e Funzionari delle strutture preposte all’affidamento di contratti pubblici

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

 

UniR.U.
2° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

Corso base sulla disciplina del lavoro dei dipendenti contrattualizzati dell’Università

 

CODICE ATTIVITÀ: 59CP22

 

Il corso, in programmazione per il 2023, viene anticipato al 2022 in sostituzione del corso sul nuovo CCNL del comparto «Istruzione e Ricerca»; quest'ultimo sarà comunque recuperato a seguito della sottoscrizione anche della parte normativa del contratto.

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

INTRODUZIONE

Il Corso muove da una premessa già esplicitata in precedenti attività formative organizzate da UniR.U.: la produzione regolativa in materia di lavoro alle dipendenza delle pubbliche amministrazioni, copiosa e, talvolta, disorganica, produce un quadro giuridico assai composito nell’ambito del quale è sempre più complesso sistematizzare le informazioni di cui il dipendente è già in possesso, filtrarle criticamente e applicarle operativamente.

Cogliendo gli spunti derivanti dai corsi svolti negli anni precedenti e alla luce delle riflessioni condotte in seno alle comunità professionali del Co.In.Fo., si è dunque ritenuto opportuno proporre, con questo corso base, una panoramica dei più rilevanti profili regolativi del lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministrazioni, senza però rinunciare all’approfondimento degli elementi di maggiore novità che si sono registrati negli ultimi anni a livello legislativo e contrattuale, con specifica attenzione alla disciplina applicata nelle Università.

Durante il Corso, pertanto, unitamente a questioni di ‘sistema’ concernenti il rapporto tra le fonti, i modelli di interlocuzione sindacale e i poteri dirigenziali, si affronteranno, anche attraverso riferimenti giurisprudenziali, gli istituti legali e contrattuali più significativi del rapporto individuale.

 

      

I DESTINATARI

In coerenza con le finalità del percorso formativo, l’iniziativa è rivolta a tutto il personale dipendente dell’Università, con l’auspicio che si registri la più ampia partecipazione anche di dirigenti, di responsabili e di quanti si occupano di gestione del personale nelle Università, in modo da garantire l’integrazione tra saperi e ruolo e l’interscambio di contenuti e metodi di lavoro.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniSAN
2° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

Il Medico in formazione Specialistica in Azienda:

analisi dei profili normativi, organizzativi e gestionali

 

CODICE ATTIVITÀ: 50CP22

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

LE RAGIONI

Da sempre il percorso specialistico si caratterizza per la forte componente professionalizzante la quale costituisce, nel suo complesso, almeno il 70% dell’intero programma formativo. Per tale motivo le Aziende del SSN rappresentano il contesto principale in cui gli specializzandi si formano, consentendo loro lo svolgimento delle attività pratiche e di tirocinio («attività professionalizzanti») necessarie per la progressiva acquisizione di competenze e conoscenze nelle discipline in cui si articola il percorso finalizzato al conseguimento del titolo di Specialista. Altrettanto fondamentale è il ruolo che per il SSN svolgono i medici in formazione specialistica, confermato, da ultimo, dagli interventi normativi che hanno consentito l’ingresso anticipato degli specializzandi in ambito ospedaliero e dal fondamentale contributo reso dagli stessi in periodo emergenziale. È pertanto innegabile quanto sia importante potenziare e migliorare l’interazione tra il contesto universitario al quale i medici in formazione afferiscono ed il contesto ospedaliero all’interno del quale gli stessi si formano.

 

GLI OBIETTIVI

Obiettivo del corso è fornire un’analisi delle dinamiche amministrative, organizzative e gestionali che le Aziende del SSN, quali strutture della rete formativa delle Scuole di Specializzazione di area sanitaria, devono mettere a sistema per consentire ai medici in formazione specialistica di svolgere al meglio attività pratiche e di tirocinio, nel rispetto dei principi di qualità e crescita costante delle competenze. Dopo una breve analisi dell’attuale contesto normativo di riferimento, sarà illustrata la complessità organizzativa aziendale e saranno proposti spunti di riflessione e confronto per un miglioramento del rapporto di necessaria sinergia e collaborazione tra il Sistema Sanitario ed il Sistema Universitario. Non mancheranno un importante contributo e testimonianza da parte di alcuni medici in formazione specialistica.

      

I DESTINATARI

Il Corso di formazione si rivolge ai Responsabili ed ai funzionari delle Università, delle Aziende Ospedaliero-Universitarie, dei Policlinici Universitari, delle strutture sanitarie convenzionate con gli Atenei che si occupano di Scuole di Specializzazione di area sanitaria.

Il Corso può essere d’interesse anche per Dirigenti, Responsabili e funzionari che si occupano dei rapporti tra Università e Servizio Sanitario Nazionale.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

 

UniR.U.
1° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

Le responsabilità dei dipendenti contrattualizzati delle Università,

tra legge, contratto collettivo e codici di comportamento

 

CODICE ATTIVITÀ: 13CP22

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE RAGIONI

Con questo Corso, il Co.In.Fo. intende proporre un’attività formativa su di una tematica rilevante e complessa, quale quella delle responsabilità del dipendente pubblico contrattualizzato, con uno specifico focus sulla responsabilità disciplinare.

Muovendo dalla ricostruzione sistematica dei diversi profili di illecito e della evoluzione normativa che ha inciso sul loro inquadramento (dalla legge anticorruzione n. 190 del 2012 sino alla più recente disciplina contenuta nel contratto collettivo del comparto Istruzione e Ricerca) e passando per un’accurata analisi casistica delle condotte sanzionate e del procedimento che conduce all’applicazione delle sanzioni, il Corso intende fornire strumenti e consapevolezze agli operatori delle Amministrazioni universitarie, utili ad affrontare e risolvere le numerose questioni quotidianamente poste dalla realtà gestionale e lavorativa.

 

      

I DESTINATARI

Il Corso di formazione è rivolto a dirigenti, a funzionari e a coloro che curano la gestione del personale nelle Pubbliche Amministrazioni (in particolare, nelle Università); in coerenza con le finalità del percorso formativo, l’iniziativa è aperta anche a tutto il personale interessato.

 

 

AVVISO: la sessione del 26 maggio 2022 (h. 14.00-18.00) è stata posticipata al 30 maggio 2022 (h. 14.00-18.00)

 

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniCONTRACT
1° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

La revisione prezzi dopo il decreto Ristori Ter (D.L. 4/2022),

l’accordo quadro e l’individuazione e gestione del conflitto d’interessi nei contratti pubblici

 

CODICE ATTIVITÀ: 06CP22

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE RAGIONI

La fine del 2021 e l’inizio del 2022 hanno portato importanti novità nell’ambito della disciplina dei contratti pubblici destinate ad avere un impatto notevole per le strutture che dovranno occuparsi delle procedure degli affidamenti degli appalti pubblici di lavori, servizi e forniture.

Una delle prime novità riguarda il ritorno in “auge” dell’istituto della revisione prezzi destinato a fronteggiare gli eccezionali aumenti dei costi registrati da alcuni materiali da costruzione a seguito della tumultuosa ripresa produttiva sviluppatasi all’esaurirsi del regime di lock down imposto per limitare gli effetti della pandemia da COVID 19.

Con il Decreto Ristori-Ter (D.L. n. 4/2022), pubblicato il 27 gennaio 2022, al fine di fronteggiare in modo più strutturale i fenomeni inflativi che rischiano di ostacolare l’attuazione delle misure volte al rilancio e ripresa dell’economica italiana (incluse quelle legate al PNRR), il Governo ha introdotto una rilevante deroga alle previsioni del Codice Appalti, operante fino al 31 dicembre 2023, consistente – in sostanza – nell’obbligo di inserire, in ogni tipologia di commessa, meccanismi revisionali volti a tutelare l’equilibrio contrattuale a fronte di sopravvenute variazioni dei prezzi.

Attraverso tale recentissima novella, già vigente e vincolante, è divenuto quindi obbligatorio, per le stazioni appaltanti, l’inserimento, nei documenti di gara e nei successivi contratti, di clausole di revisione prezzi, volte al riconoscimento di compensazioni con criteri di quantificazione anche più favorevoli per l’impresa, nel caso dei lavori, rispetto a quelli dettati dall’art. 106, comma 1, lett. a), del D.Lgs. n. 50/2016.

Ulteriore argomento su cui ci si soffermerà sarà l’istituto dell’accordo quadro come strumento per eliminare gli affidamenti diretti e i frazionamenti artificiosi analizzandone le differenze con istituti analoghi e studiandone le procedure di aggiudicazione e di esecuzione.

Saranno poi oggetto di particolare approfondimento gli aspetti legati alla gestione del conflitto d’interessi nelle procedure di affidamento dei contratti pubblici che hanno ricadute anche in materia di prevenzione della corruzione.

Ampio spazio sarà dedicato all’esame di casi operativi, interpretati alla luce dei più significativi orientamenti dell’ANAC e della giurisprudenza.

 

 

GLI OBIETTIVI

• Approfondire la Revisione dei prezzi nei contratti pubblici riportata in “auge” dall’art. 29 del dl 4/2022

• Attenzionare l’istituto del Collegio Consultivo Tecnico e il connesso regime delle sospensioni dell’esecuzione

• Attenzionare la natura giuridica e la struttura di un Accordo Quadro

 

 

 

      

I DESTINATARI

L’incontro, per la sua specificità e per gli obiettivi che persegue, ha come destinatari Dirigenti, funzionari, tecnici, addetti agli uffici Appalti, Contratti, Economato, i responsabili e i referenti dell’Anticorruzione nonché gli Avvocati degli Uffici legali e gli addetti agli Uffici legali.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniCOM
2° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

LA COMUNICAZIONE DEI DATI

 

CODICE ATTIVITÀ: 40CP22

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

LE RAGIONI

La Comunità professionale UniCOM nasce nel dicembre 2019 dalla collaborazione tra AICUN, l’Associazione Italiana Comunicatori d’Università, che dal 1992 per statuto si occupa di comunicazione universitaria e della professionalizzazione dei suoi soci, e CO.IN.FO., consorzio specializzato nella formazione per la Pubblica Amministrazione e in modo particolare per il personale delle Università.

L’obiettivo è costruire percorsi formativi per la continua professionalizzazione di chi nei nostri Atenei si occupa di comunicazione, informazione e marketing come principale attività, ma anche per coloro che – pur lavorando in altri settori e nei diversi ambiti istituzionali – utilizzano strumenti e tecniche di comunicazione per relazionarsi con i loro pubblici di riferimento. Pensiamo per esempio a chi lavora nei Dipartimenti, nelle Scuole, nelle Biblioteche, nelle Segreterie o nei Centri di Ricerca.

Parlare di comunicazione universitaria significa parlare di un insieme di attività molto ampio che va dalla comunicazione istituzionale, alla comunicazione gestionale/organizzativa, alla comunicazione di marketing, alla comunicazione internazionale, al Customer Relationship Management (CRM), alle relazioni con gli Alumni, alle relazioni con i Media, al Social Media Management, alla gestione del web e della comunicazione digitale, all’organizzazione e alla promozione degli eventi, alla comunicazione della ricerca, al Public Engagement e alla Terza Missione, alla comunicazione della didattica, alla comunicazione dei servizi, alla comunicazione dei dati, al Brand Image, alle ricerche di marketing, al Media planning, alla ideazione e realizzazione di materiali informativi e di pubblicazioni, all’orientamento e al tutorato, alle relazioni con il territorio e le imprese, agli stage e placement, al fundraising.

Tutti questi temi ben si prestano per essere trattati in corsi di formazione destinati a professionisti del mestiere, ma anche, in forme diverse, a target trasversali, che per le loro attività intendono sviluppare e arricchire il proprio percorso professionale con alcune tra queste competenze anche ad un livello non particolarmente specialistico.

Un approccio “sostenibile” non orientato solo su idee ma su progetti di comunicazione, sostenibili e bilanciati nel contesto di riferimento con attenzione anche agli aspetti pratici, operativi “del come fare” e non solo “del cosa fare”.

Con la rivoluzione digitale che ha stravolto completamente il modo di comunicare e con il moltiplicarsi delle occasioni di comunicazione dirette e immediate è diventato sempre più urgente gestire la comunicazione a monte, mettendo le singole persone nelle condizioni di comunicare al meglio e in modo coordinato.

 

GLI OBIETTIVI

L’obiettivo principale di questo corso è di offrire un’opportunità di crescita professionale a tutti coloro che all’interno dell’Ateneo si occupano a tempo pieno e come attività principale di comunicare  – nei diversi processi e nei diversi contesti organizzativi – i dati.

Dati degli studenti, dati del personale, dati di carattere economico finanziario, dati sui servizi, dati dei processi di pianificazione e consuntivazione, dati della ricerca, dati della logistica, del management informatico e dell’edilizia universitaria, dati di performance: tutti, per essere compresi al meglio dai diversi stakeholder, richiedono il supporto di professionisti della comunicazione, che riescano a far percepire la ricaduta di “quei numeri” sulla società.

      

I DESTINATARI

Il Corso di formazione è rivolto a Dirigenti, Funzionari, Responsabili di unità organizzative, specialisti della comunicazione e a tutto il personale interessato ad approfondire la conoscenza degli elementi che migliorano l’efficacia e la qualità nella comunicazione di dati nelle Università.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

 

 

Segreterie 2.1
1° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

Il diritto d’accesso nelle segreterie studenti

 

CODICE ATTIVITÀ: 10CP22_seconda edizione

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE RAGIONI

Il Corso mira a fare il punto sull’evoluzione normativa e giurisprudenziale in materia di accesso agli atti con specifico riferimento alle casistiche relative alle segreterie studenti delle Università.

Partendo dalla distinzione tra istituti similari il Corso affronterà tutti gli aspetti relativi all’esercizio del diritto di accesso agli atti: soggetto richiedente, oggetto, limiti, responsabilità, modalità e rimedi avverso i dinieghi di accesso.

Verranno al contempo affrontate le questioni relative al rapporto tra diritto di accesso e normativa a tutela della riservatezza dei dati personali e di quelli sensibili.

Verranno poi analizzati gli istituti dell’accesso civico semplice e generalizzato, curandone le modalità operative, e studiati i rapporti con il diritto di accesso agli atti, sottolineandone differenze ed analogie soprattutto nella gestione del rapporto con il diritto di riservatezza.

 

      

I DESTINATARI

Il Corso di formazione ha come destinatari il personale che opera nei “luoghi dell’accoglienza”: segreterie studenti e uffici a contatto diretto con il pubblico, comprese le segreterie di Dipartimento.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

ISCRIZIONI CHIUSE

 

Segreterie 2.1
1° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

Il diritto d’accesso nelle segreterie studenti

 

CODICE ATTIVITÀ: 10CP22

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE RAGIONI

Il Corso mira a fare il punto sull’evoluzione normativa e giurisprudenziale in materia di accesso agli atti con specifico riferimento alle casistiche relative alle segreterie studenti delle Università.

Partendo dalla distinzione tra istituti similari il Corso affronterà tutti gli aspetti relativi all’esercizio del diritto di accesso agli atti: soggetto richiedente, oggetto, limiti, responsabilità, modalità e rimedi avverso i dinieghi di accesso.

Verranno al contempo affrontate le questioni relative al rapporto tra diritto di accesso e normativa a tutela della riservatezza dei dati personali e di quelli sensibili.

Verranno poi analizzati gli istituti dell’accesso civico semplice e generalizzato, curandone le modalità operative, e studiati i rapporti con il diritto di accesso agli atti, sottolineandone differenze ed analogie soprattutto nella gestione del rapporto con il diritto di riservatezza.

 

      

I DESTINATARI

Il Corso di formazione ha come destinatari il personale che opera nei “luoghi dell’accoglienza”: segreterie studenti e uffici a contatto diretto con il pubblico, comprese le segreterie di Dipartimento.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniAMM
1° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E TRASPARENZA AMMINISTRATIVA

NEL SISTEMA UNIVERSITARIO.

ANALISI DEL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

E STUDIO DELLE PRASSI SEGUITE

DALLA AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE (A.N.A.C.)

DA DECLINARE NEL PIAO.

 

CODICE ATTIVITÀ: 09CP22

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE FINALITA'

Nel corso dell’intervento formativo verranno approfonditi:

la disciplina della prevenzione della corruzione, come introdotta dalla Legge 6 novembre 2012, numero 190 (cosiddetta "Legge Anticorruzione"), e successivamente definita, nel dettaglio, dai principali Decreti Legislativi di attuazione (Decreto Legislativo 14 marzo 2013, numero 33, Decreto Legislativo 8 aprile 2013, numero 39, e Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, numero 62), alla luce anche delle prassi seguite dalla Autorità Nazionale Anticorruzione, in particolare gli “Orientamenti per la Pianificazione Anticorruzione e Trasparenza”, che verranno analizzati con particolare riguardo al sistema universitario e, dunque, contestualizzati al “Piano Tipo” di cui al Decreto Legge 9 giugno 2021, n. 80 (c.d. “Decreto Reclutamento”);

la disciplina della trasparenza amministrativa, come definita dal Decreto Legislativo 14 marzo 2013, numero 33, la regolamentazione degli obblighi di pubblicazione e la disciplina dell’accesso civico, sia semplice che generalizzato, come definita dal Decreto Legislativo 25 maggio 2016, numero 97, anche alla luce del bilanciamento con il diritto alla protezione dei dati personali, ai sensi del "Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati)" ("RGPD"),come da ultimo modificato (cfr., inter alia, il c.d. “Decreto Capienze”), che contiene le "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni contenute nel Regolamento (UE) 2016/679".

 

 

 

     

I DESTINATARI

L'intervento formativo è rivolto ad un’ampia "platea" di destinatari, in particolare, a:

Responsabili per la prevenzione della corruzione e della trasparenza e loro collaboratori
Responsabili per la protezione dei dati personali e loro collaboratori
Referenti, Componenti degli organismi di controllo, Dirigenti/Responsabili e Funzionari addetti alle aree a rischio

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniCOM
1° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA

 

 

Comunicare la ricerca: temi, modalità, strumenti

 

CODICE ATTIVITÀ: 07CP22

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

LE RAGIONI

Il Corso “Comunicare la ricerca: temi, modalità, strumenti“ è la prima proposta formativa del 2022 della Comunità professionale UniCOM, nata nel dicembre 2019 dalla collaborazione tra AICUN, l’Associazione Italiana Comunicatori d’Università - che dal 1992 si occupa di comunicazione universitaria e della professionalizzazione dei suoi soci - e Co.In.Fo., consorzio specializzato nella formazione per la Pubblica Amministrazione e in modo particolare per il personale delle Università.

L’obiettivo di UniCOM è costruire percorsi formativi per la continua professionalizzazione di chi negli Atenei italiani si occupa di comunicazione, informazione e marketing come principale attività, ma anche per coloro che – pur lavorando in altri settori e nei diversi ambiti istituzionali – utilizzano strumenti e tecniche di comunicazione per relazionarsi con i loro pubblici di riferimento.

Parlare di comunicazione universitaria significa parlare di un insieme di attività molto ampio, che va dalla comunicazione istituzionale, alla comunicazione gestionale/organizzativa, alla comunicazione di marketing, alla comunicazione internazionale, al Customer Relationship Management (CRM), alle relazioni con gli Alumni, alle relazioni con i Media, al Social Media Management, alla gestione del web e della comunicazione digitale, all’organizzazione e alla promozione degli eventi, alla comunicazione della ricerca, al Public Engagement e alla Terza Missione, alla comunicazione della didattica, alla comunicazione dei servizi, al Brand Image, alle ricerche di marketing, al Media planning, all’ideazione e realizzazione di materiali informativi e di pubblicazioni, all’orientamento e al tutorato, alle relazioni con il territorio e le imprese, agli stage e placement, al fund-raising.

 

GLI OBIETTIVI

Il Corso si propone di condividere esperienze e strumenti utili per comunicare in modo efficace, efficiente e innovativo i risultati della ricerca scientifica, analizzando gli scenari della comunicazione scientifica con uno sguardo non solo all’Italia, ma anche al contesto internazionale e con un focus specifico sulla selezione delle tematiche da comunicare, sull’individuazione dei target a cui comunicare, dei linguaggi da utilizzare, sulle tecniche per trasformare un contenuto in notizia e una notizia in una storia, su come contribuire a definire le attività di comunicazione, disseminazione e valorizzazione dei risultati all’interno di un progetto di ricerca.

      

I DESTINATARI

Il Corso è destinato a funzionari che in Università si occupano in modo specifico di comunicazione della ricerca e divulgazione scientifica nelle amministrazioni centrali (uffici stampa, redazioni web e social media, uffici ricerca e terza missione), nei dipartimenti e nei centri di ricerca e ai dipendenti degli atenei che, pur occupandosi di altri processi, desiderano sviluppare competenze professionali in questo specifico ambito.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniSOF
1° INCONTRO FORMATIVO 2022 IN MODALITA' TELEMATICA 

La costruzione del “repertorio” delle competenze (tecniche e) trasversali per l’analisi del fabbisogno formativo legato agli obiettivi strategici ed ai progetti di innovazione: presupposti teorici e metodologici ed esperienze dei partecipanti, programmazione del progetto di sviluppo del repertorio delle competenze e del contributo degli Atenei partecipanti

 

CODICE ATTIVITÀ: 08CP22

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

LE RAGIONI

Le finalità dell’edizione 2022 di UniSOF sono strettamente collegate alla “mission” che ha caratterizzato lo sviluppo e le attività della Comunità negli ultimi anni:

  • condivisione di una visione che consenta di “mettere a sistema” le spinte alla trasformazione digitale nelle Amministrazioni degli Atenei ed alla riprogettazione dei processi per l’erogazione dei servizi con la riprogettazione dei ruoli professionali nell’ambito dei processi e l’identificazione delle competenze da sviluppare/rafforzare,
  • costruzione e sperimentazione, di metodologie finalizzate a facilitare l’integrazione tra formazione, organizzazione e valutazione delle performance: analisi dei fabbisogni formativi legati al miglioramento continuo dei processi con maggiore impatto sugli obiettivi strategici ed al conseguimento degli obiettivi più complessi e sfidanti della performance organizzativa, programmazione della formazione orientata al miglioramento delle performance organizzative ed individuali, valutazione post training dei corsi di formazione di lunga durata finalizzata allo sviluppo/rafforzamento delle competenze “trasversali”.

Nel corso dell’edizione 2022 il tema che verrà affrontato è quello della classificazione e descrizione dei ruoli professionali nell’ambito delle Amministrazioni degli Atenei, al fine di analizzare le relazioni tra:

  • le dinamiche organizzative, legate alla ridefinizione delle mission degli Atenei
  • il conseguente riorientamento delle professionalità
  • il contributo della formazione al riorientamento delle professionalità

      

I DESTINATARI

L’incontro, per la sua specificità e per gli obiettivi che persegue, ha come destinatari Dirigenti, Responsabili e Personale dello Sviluppo Individuale, Formazione e Sviluppo Organizzativo delle Università

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniAMM
2° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

LA TRASFORMAZIONE DIGITALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI:

OBBLIGHI, SCADENZE E RESPONSABILITÀ
 

 

CODICE ATTIVITÀ: 24CP21

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

GLI OBIETTIVI

Nel corso dell’intervento formativo verranno approfonditi i seguenti argomenti:

  • lo stato dell’arte del processo di trasformazione digitale delle pubbliche amministrazioni, con particolare riguardo agli obblighi previsti per le Università dalla normativa vigente (in particolare dal D. Lgs. n. 82/2005 – Codice dell’Amministrazione Digitale) e dal Piano triennale per l’informatica nella pubblica amministrazione, anche alla luce dei più recenti provvedimenti del legislatore e dell’Agenzia per l’Italia Digitale.
  • la normativa in materia di firme elettroniche e documento informatico, come definita dal Reg. UE 2014/910 (eIDAS), dal D. Lgs. n. 82/2005 (Codice dell’Amministrazione Digitale) e dalle Linee Guida Agid 2021 sulla formazione, gestione e conservazione dei documenti informatici.

 

       

I DESTINATARI

L'intervento formativo è rivolto ad un’ampia "platea" di destinatari, in particolare, a:

  • Responsabili per la transizione al digitale, Responsabili della gestione documentale, Responsabili della conservazione digitale e loro collaboratori
  • Responsabili dell’Ufficio ICT e sistemi informativi e loro collaboratori.
  • Responsabili della protezione dei dati personali e Responsabili della prevenzione della corruzione e della trasparenza, e loro collaboratori.
  • Responsabili degli Uffici preposti alla gestione di appalti, approvvigionamenti, convenzioni e contratti, e loro collaboratori.
  • Personale delle "Segreterie del Rettore" e delle "Segreterie del Direttore Generale".
  • Personale che svolge attività di supporto al funzionamento degli "Organi Collegiali", personale addetto agli "Affari Generali".

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniCONTRACT
2° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

Le novità della Legge 29 luglio 2021 n. 108 di conversione al

Decreto-Legge 31 maggio 2021, n. 77.

Gli interventi in materia contrattuale

per l’attuazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza

 

CODICE ATTIVITÀ: 27CP21

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE RAGIONI

La situazione conseguente alla pandemia da Covid 19 impone una velocizzazione delle procedure amministrative ed in particolare di quelle negoziali al fine di consentire un rilancio, rapido ed efficace, del settore delle opere pubbliche, per adeguare il Paese alle sfide globali dei prossimi anni e consentire alle nuove generazioni di poter contare su infrastrutture più moderne e funzionali.

L’approvazione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) ed i tempi strettissimi previsti per la sua attuazione, hanno indotto il Legislatore, con il Decreto-Legge 31 maggio 2021, n. 77 (e la successiva Legge di conversione) a introdurre norme di velocizzazione del regime degli appalti pubblici che si aggiungono a quelle già introdotte con il decreto legge “Sblocca cantieri” e con il decreto “Semplificazioni”.

Sono infatti state previste, a titolo di mero esempio, nuove modalità di affidamento della progettazione sulla base del piano di fattibilità tecnico economica, sono state innalzate le soglie per l’affidamento diretto, introdotte nuove modalità semplificate di reperimento delle risorse informatiche, snellite le modalità di effettuazione delle verifiche dei requisiti di carattere generale, eliminato, a decorrere dal 1° novembre 2021, ogni limite percentuale al sub-appalto, rilanciato l’istituto della Comitato Consultivo Tecnico come strumento di composizione stragiudiziale nei rapporti con l’appaltatore.

Il settore Universitario è direttamente coinvolto nel citato processo di modernizzazione e rilancio.

L’incontro, che si terrà volutamente nei primi giorni del mese di gennaio per consentire anche l’esame di eventuali ulteriori novità introdotte con la legge di bilancio, sarà l’occasione per fare il punto sulle principali novità normative con la consapevolezza che quelle in esame sono solo le prime di una serie di norme nuove sulla materia a cominciare da una rivisitazione, già annunciata, dell’intero codice dei contratti pubblici.

Poiché il procedimento contrattuale costituisce genus della species più ampia del procedimento amministrativo appare opportuno, uscendo dal contesto del mero aggiornamento normativo, dedicare una parte dell’incontro ad un focus sui principi generali che regolano quest’ultimo e che trovano magnificazione proprio in quello teso all’aggiudicazione dei contratti pubblici.

 

 

GLI OBIETTIVI

• Approfondire le novità in materia di procedure di affidamento di contratti sopra e sotto soglia, di anticipazione del prezzo, verifiche, requisiti ed inversione procedimentale
• Attenzionare l’istituto del Collegio Consultivo Tecnico e il connesso regime delle sospensioni dell’esecuzione
• Riflettere sulle disposizioni tese a garantire le pari opportunità, di genere e generazionali, nel mondo degli appalti pubblici.
• Approfondire il tema sempre molto delicato nell’ambito della contrattualistica pubblica della programmazione di lavori, forniture e servizi, sia sotto il profilo strettamente normativo sia sotto quello procedurale.
• Richiamare l’attenzione sulla gara pubblica come procedimento amministrativo.

 

      

I DESTINATARI

L’incontro, per la sua specificità e per gli obiettivi che persegue, ha come destinatari Dirigenti, funzionari, tecnici, addetti agli uffici Appalti, Contratti, Economato, i responsabili e i referenti dell’Anticorruzione nonché gli Avvocati degli Uffici legali e gli addetti agli Uffici legali.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniCOM
3° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

 

Tutto ciò che dobbiamo sapere sul public engagement

 

CODICE ATTIVITÀ: 26CP21

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

LE RAGIONI

Il Corso “Tutto ciò che dobbiamo sapere sul public engagement“ è la terza proposta formativa del 2021 della Comunità professionale UniCOM, nata nel dicembre 2019 dalla collaborazione tra AICUN, l’Associazione Italiana Comunicatori d’Università - che dal 1992 si occupa di comunicazione universitaria e della professionalizzazione dei suoi soci - e Co.In.Fo., consorzio specializzato nella formazione per la Pubblica Amministrazione e in modo particolare per il personale delle Università.

L’obiettivo di UniCOM è costruire percorsi formativi per la continua professionalizzazione di chi negli Atenei italiani si occupa di comunicazione, informazione e marketing come principale attività, ma anche per coloro che – pur lavorando in altri settori e nei diversi ambiti istituzionali – utilizzano strumenti e tecniche di comunicazione per relazionarsi con i loro pubblici di riferimento.

Parlare di comunicazione universitaria significa parlare di un insieme di attività molto ampio, che va dalla comunicazione istituzionale, alla comunicazione gestionale/organizzativa, alla comunicazione di marketing, alla comunicazione internazionale, al Customer Relationship Management (CRM), alle relazioni con gli Alumni, alle relazioni con i Media, al Social Media Management, alla gestione del web e della comunicazione digitale, all’organizzazione e alla promozione degli eventi, alla comunicazione della ricerca, al Public Engagement e alla Terza Missione, alla comunicazione della didattica, alla comunicazione dei servizi, al Brand Image, alle ricerche di marketing, al Media planning, all’ideazione e realizzazione di materiali informativi e di pubblicazioni, all’orientamento e al tutorato, alle relazioni con il territorio e le imprese, agli stage e placement, al fund-raising.

 

GLI OBIETTIVI

Il Corso si propone di fornire gli strumenti operativi per gestire al meglio l’ideazione, la pianificazione, l’implementazione, la realizzazione e la rendicontazione delle attività di public engagement delle Università, soprattutto nell’ottica dell’assicurazione e della valutazione della qualità. Verranno forniti strumenti di lavoro, esempi, buone pratiche, anche a confronto con esempi internazionali.

      

I DESTINATARI

Il Corso è destinato a funzionari che in Università si occupano di terza missione, public engagement, ricerca e comunicazione sia nelle amministrazioni centrali, sia nei dipartimenti, e ai dipendenti delle università che, pur occupandosi di altri processi, desiderano sviluppare competenze professionali in questo specifico ambito.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniSOF
2° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

La programmazione della formazione orientata

al miglioramento delle performance organizzative ed individuali

 

CODICE ATTIVITÀ: 30CP21

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

FINALITA'

Come evidenziato nel corso del primo modulo, l’analisi dei fabbisogni formativi e la gestione della formazione devono tener conto anche degli obiettivi strategici e di quelli relativi alla performance organizzativa, al fine di identificare le capacità e competenze individuali che occorre rafforzare per facilitare il contributo individuale alle azioni programmate nell’ambio degli obiettivi.

La metodologia illustrata nel corso delle prime due giornate ha la finalità di evidenziare il contributo che il piano della formazione può fornire al conseguimento degli obiettivi più complessi e sfidanti della performance organizzativa.

Le interessanti applicazioni della metodologia negli Atenei che hanno aderito a questa edizione di UniSOF saranno oggetti di condivisione tra i partecipanti, al fine anche di pervenire ad eventuali integrazioni della proposta metodologica. La proposta metodologica sarà poi illustrata ai Dirigenti, nella seconda parte della prima giornata, al fine di condividerla e contestualizzarla nell’ambito del processo di programmazione integrato «performance- formazione», delle Amministrazioni.

La seconda giornata sarà dedicata all’illustrazione degli scenari della formazione, per i prossimi anni, ed alla selezione delle tematiche di UniSOF 2022.

 

 

I DESTINATARI

Il Corso è rivolto a professionalità che negli Atenei operano sia sul versante della gestione della formazione che sul versante della programmazione e monitoraggio della performance.

 

      

 

 
What do you want to do ?
New mail

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniCOM
2° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

Comunicazione interna e organizzativa:

una leva strategica per la reputazione dell’Università

 

CODICE ATTIVITÀ: 22CP21

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

LE RAGIONI

Il Corso “Comunicazione interna e organizzativa: una leva strategica per la reputazione dell’Università“ è la seconda proposta formativa del 2021 della Comunità professionale UniCOM, nata nel dicembre 2019 dalla collaborazione tra AICUN, l’Associazione Italiana Comunicatori d’Università - che dal 1992 si occupa di comunicazione universitaria e della professionalizzazione dei suoi soci - e Co.In.Fo., consorzio specializzato nella formazione per la Pubblica Amministrazione e in modo particolare per il personale delle Università.

Parlare di comunicazione universitaria significa parlare di un insieme di attività molto ampio, che va dalla comunicazione istituzionale, alla comunicazione gestionale/organizzativa, alla comunicazione di marketing, alla comunicazione internazionale, al Customer Relationship Management (CRM), alle relazioni con gli Alumni, alle relazioni con i Media, al Social Media Management, alla gestione del web e della comunicazione digitale, all’organizzazione e alla promozione degli eventi, alla comunicazione della ricerca, al Public Engagement e alla Terza Missione, alla comunicazione della didattica, alla comunicazione dei servizi, al Brand Image, alle ricerche di marketing, al Media planning, all’ideazione e realizzazione di materiali informativi e di pubblicazioni, all’orientamento e al tutorato, alle relazioni con il territorio e le imprese, agli stage e placement, al fund-raising.

 

GLI OBIETTIVI

L’obiettivo di UniCOM è costruire percorsi formativi per la continua professionalizzazione di chi negli Atenei italiani si occupa di comunicazione, informazione e marketing come principale attività, ma anche per coloro che – pur lavorando in altri settori e nei diversi ambiti istituzionali – utilizzano strumenti e tecniche di comunicazione per relazionarsi con i loro pubblici di riferimento.

      

I DESTINATARI

Il Corso è destinato a funzionari che in Università si occupano di comunicazione interna e organizzativa indipendentemente dagli uffici di appartenenza (comunicazione, direzione generale, rettorato, risorse umane, ICT, dipartimenti) e ai dipendenti delle università che, pur occupandosi di risorse umane, di sviluppo tecnologico, di processi amministrativi, desiderano sviluppare competenze professionali in questo specifico ambito.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniSAN
1° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

IL RUOLO DEL MEDICO IN FORMAZIONE SPECIALISTICA NEL CONTESTO EMERGENZIALE COVID-19:

OPPORTUNITÀ E LIMITI


 

 

CODICE ATTIVITÀ: 13CP21

 

 

LE RAGIONI

Gli effetti pandemici dovuti al nuovo coronavirus Sars-CoV-2 hanno provocato un'emergenza sanitaria internazionale per COVID-19 cui è stata data risposta immediata con l’adozione di una serie di misure urgenti fin dalla dichiarazione dello stato di emergenza del 31 gennaio 2020. Sono stati adottati diversi Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri, ordinanze regionali e del Ministero della salute per determinare un contenimento degli effetti epidemiologici.

L’emergenza sanitaria ha messo in evidenza oltre ai punti di forza, gli aspetti problematici del Servizio Sanitario Nazionale, attribuibili soprattutto alle scelte operate negli ultimi anni, anche per quanto attiene il personale sanitario, a vario titolo impegnato in prima linea a fronteggiare la situazione pandemica.

Proprio in considerazione della sofferenza intrinseca del sistema, i medici in formazione specialistica, fin da subito, sono stati ampiamente coinvolti nella gestione emergenziale ed hanno rappresentato una risorsa imprescindibile.

 

I DESTINATARI

Il Corso di formazione si rivolge ai Responsabili ed ai funzionari delle Università, delle Aziende Ospedaliero-Universitarie, dei Policlinici Universitari, delle strutture sanitarie convenzionate con gli Atenei che si occupano di Scuole di Specializzazione di area sanitaria.

Il Corso può essere d’interesse anche per Dirigenti, Responsabili e funzionari che si occupano dei rapporti tra Università e Servizio Sanitario Nazionale.

 

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

Segreterie 2.1
1° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

LA COMUNICAZIONE CON L’UTENZA IN PERIODI DI EMERGENZA
 

 

CODICE ATTIVITÀ: 12CP21

 

 

LE RAGIONI

Questo Corso intende affrontare quattro ambiti legati alla gestione della comunicazione con l’utenza in periodi di emergenza.

In primo luogo la comunicazione istituzionale durante la pandemia ha costituito una sorta di stress-test per verificare le condizioni di base della comunicazione istituzionale e la capacità di agire in una situazione che richiedeva il raggiungimento di una serie di obiettivi rilevanti: diffondere informazioni tempestive, ottenere la condivisione di comportamenti che implicavano la riduzione di abitudini consolidate (fino alla stessa libertà di movimento), ridurre l’inevitabile stato di ansia dei destinatari. Il risultato è stato, in Italia, in gran parte disastroso. Le Università hanno avuto una quantità minore di effetti negativi, ma questo non toglie che siano emersi con maggiore evidenza alcuni limiti della comunicazione interna (sia verso il personale, docente e tecnico-amministrativo, sia verso gli studenti).

Il secondo ambito di interesse riguarda il linguaggio di genere in considerazione del fatto che molte Università hanno predisposto linee-guida, per rispondere all’esigenza di garantire nelle loro comunicazioni istituzionali un linguaggio rispettoso delle diversità sociali, e in particolare delle diversità di genere. Non tutte, però, lo hanno fatto; quelle che non l’hanno fatto, hanno lasciato il proprio personale a muoversi da solo in un terreno non facile. Ma anche nelle Università che hanno emanato le linee-guida emergono dubbi, titubanze, perplessità, difficoltà concrete a utilizzare con sistematicità un linguaggio rispettoso delle differenze di genere.
Le Segreterie studenti, già abituate a comunicare in modo diretto e continuativo con gli studenti, nel periodo della pandemia si sono trovate a dover trasferire solo on-line tutta la comunicazione e a riorganizzarne tempi, modalità, strumenti. Gli Atenei hanno dovuto affrontare la comunicazione “in tempo reale”, dal comunicare “molto prima” al comunicare “poco prima o durante”, le comunicazioni istantanee e le linee guida per aprire ed informare di nuovi percorsi di comunicazione. La comunicazione di contenuti insieme alla comunicazione degli strumenti. La sperimentazione di un contesto All Digital e la riscoperta della persistenza della comunicazione “oltre il flusso”. Alcuni passaggi sono stati una sfida, ma è il momento di riflettere per dare persistenza ad alcuni cambiamenti.

Infine, nell’ultimo modulo sarà trattata la comunicazione sotto il profilo psicologico. Non si può pensare di trasferire in maniera automatica la nostra capacità comunicativa dalla “presenza” alla “distanza”. È necessario ricreare una nuova “presenza” e curare la qualità di questa presenza anche a distanza. La comunicazione in presenza è tridimensionale e, in quanto tale, consente una maggiore libertà di utilizzo dei diversi canali comunicativi. La comunicazione a distanza, che avviene sempre attraverso un mezzo, è bidimensionale e a volte si riduce ad utilizzare un'unica dimensione, compromettendo la reciprocità che, invece, la presenza fisica richiama continuamente. La continuità della relazione comunicativa nella distanza diventa, infatti, più difficile da garantire, e dunque diventa prioritario costruirla e preservarla attraverso l’adozione di nuovi orientamenti e strumenti comunicativi.

 

I DESTINATARI

Il Corso è rivolto al personale delle Università italiane che opera nei “luoghi dell’accoglienza”: segreterie studenti e uffici a contatto diretto con il pubblico, comprese le segreterie di Dipartimento.

Per consentire una fruizione attiva del Corso, il numero massimo di partecipanti è limitato a 60. Sarà data precedenza di iscrizione alle Università aderenti alla Comunità professionale.
In caso di una maggiore richiesta di partecipazioni si provvederà ad attivare una seconda edizione.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniSOF
1° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

La programmazione della formazione “orientata”

al miglioramento delle performance organizzative ed individuali

 

CODICE ATTIVITÀ: 10CP21

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

FINALITA'

Come auspicato nelle Linee guida dell’ANVUR sulla gestione integrata della performance (dicembre 2019) è opportuno rafforzare la cura del legame tra la programmazione della formazione per il personale TA ed il ciclo della performance integrata (piano della performance, piano riduzione del rischio di corruzione, POLA, etc. etc.).

L’analisi dei fabbisogni formativi e la gestione della formazione devono tener conto anche degli obiettivi strategici e di quelli relativi alla performance organizzativa, al fine di identificare le capacità e competenze individuali che occorre rafforzare per facilitare il contributo individuale alle azioni programmate nell’ambio degli obiettivi.

La “sfida” da affrontare è complessa. Non si tratta semplicemente di questioni di natura metodologica. In altri termini, non è solo una questione di procedure o di condivisione di dati e informazioni. È necessario favorire il “dialogo”, evidenziandone le ragioni concrete, tra specialisti che fanno riferimento a “culture” di natura diversa: la cultura dell’analisi del fabbisogno e della gestione formativa del personale, da un lato, e la cultura della programmazione e del monitoraggio della performance, dall’altro lato.

Il Corso intende sviluppare nei partecipanti la consapevolezza che l’integrazione tra tali due culture è la condizione indispensabile per perseguire lo scopo comune di entrambe le culture: supportare l’Ateneo nel processo di creazione di valore pubblico.

 

 

I DESTINATARI

Il Corso è rivolto a professionalità che negli Atenei operano sia sul versante della gestione della formazione che sul versante della programmazione e monitoraggio della performance.

 

      

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniCONTRACT
1° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

I contratti pubblici tra vecchi problemi e nuove prospettive

nelle more del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza(PNRR).

Le modalità operative di affidamento e di esecuzione dopo il decreto semplificazioni. 

 

CODICE ATTIVITÀ: 07CP21

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE RAGIONI

Il panorama dei contratti pubblici è in continuo fermento. L’emergenza epidemiologica ha comportato la necessità di un ripensamento di molti istituti al fine di dare un’accelerazione agli investimenti pubblici quale volano per la ripartenza del Paese.

Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), finanziato con i fondi del Recovery Found, rappresenta un momento unico in quanto consentirà di godere di risorse economiche mai immaginate dalla fine del dopo guerra per la modernizzazione dell’Italia sotto il profilo infrastrutturale, ambientale, digitale, sanitario e sociale.

Il settore dei contratti pubblici è pertanto quello che maggiormente sarà investito della responsabilità di rispondere bene e rapidamente alla sfida così da garantire che le citate risorse non vadano perse o sprecate.

 

 

GLI OBIETTIVI

Il legislatore con il D.L. «Sbocca Cantieri» già prima della pandemia aveva avviato un processo di semplificazione delle procedure contrattuali, a fronte dell’emergenza, ha proseguito introducendo, con il D.L. «Semplificazioni», una serie di disposizioni di natura transitoria che, aggiunte alle prime, hanno creato un regime provvisorio per l’aggiudicazione degli appalti. È diffusa però la consapevolezza che tali interventi non sono sufficienti, come riconosciuto dallo stesso Ministro delle infrastrutture e della mobilità sostenibile. Nelle more di nuove annunciate modifiche normative è importante allora che la comunità di UniCONTRACT acquisti maggiore consapevolezza e dimestichezza delle procedure attualmente in essere, seppur provvisorie, e delle problematiche sottese ad alcuni istituti al fine di meglio cogliere le novità normative, allorquando queste verranno adottate, in modo da contribuire a vincere una sfida fondamentale per il Paese e per le future generazioni.

 

      

I DESTINATARI

Il Corso di formazione, per la sua specificità e per gli obiettivi che persegue, ha come destinatari Dirigenti, funzionari, tecnici, addetti agli Uffici Appalti, Contratti, Economato, i responsabili e i referenti dell’Anticorruzione nonché gli Avvocati degli Uffici legali e gli addetti agli Uffici legali.

 

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniCOM
1° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

I SOCIAL MEDIA PER L’UNIVERSITÀ.

Strategie, linguaggi, sicurezza e monitoraggio

 

CODICE ATTIVITÀ: 04CP21

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE RAGIONI

Il Corso “I Social Media per l’Università. Strategie, linguaggi, sicurezza, monitoraggio” è la prima proposta formativa del 2021 della Comunità professionale UniCOM, nata nel dicembre 2019 dalla collaborazione tra AICUN, l’Associazione Italiana Comunicatori d’Università, che dal 1992 per statuto si occupa di comunicazione universitaria e della professionalizzazione dei suoi soci, e dal Co.In.Fo., consorzio specializzato nella formazione per la Pubblica Amministrazione e in modo particolare per il personale delle Università.

 

 

GLI OBIETTIVI

L’obiettivo di UniCOM è costruire percorsi formativi per la continua professionalizzazione di chi negli Atenei italiani si occupa di comunicazione, informazione e marketing come principale attività, ma anche per coloro che – pur lavorando in altri settori e nei diversi ambiti istituzionali – utilizzano strumenti e tecniche di comunicazione per relazionarsi con i loro pubblici di riferimento.

Parlare di comunicazione universitaria significa parlare di un insieme di attività molto ampio che va dalla comunicazione istituzionale, alla comunicazione gestionale/organizzativa, alla comunicazione di marketing, alla comunicazione internazionale, al Customer Relationship Management (CRM), alle relazioni con gli Alumni, alle relazioni con i Media, al Social Media Management, alla gestione del web e della comunicazione digitale, all’organizzazione ed alla promozione degli eventi, alla comunicazione della ricerca, al Public Engagement e alla Terza Missione, alla comunicazione della didattica, alla comunicazione dei servizi, al Brand Image, alle ricerche di marketing, al Media planning, alla ideazione e realizzazione di materiali informativi e di pubblicazioni, all’orientamento e al tutorato, alle relazioni con il territorio e le imprese, agli stage e placement, al fund-raising.

 

      

I DESTINATARI

Il Corso è destinato a funzionari che in Università, sia a livello di amministrazione centrale che periferica, si occupano di comunicazione attraverso i Social Media e comunicazione online in genere e a tutti coloro che non essendo specialisti del settore vogliono sviluppare competenze professionali in questo specifico ambito (strutture centrali, dipartimenti, centri di ricerca…).

BROCHURE

 

ISCRIZIONE

UniAMM
1° INCONTRO FORMATIVO 2021 IN MODALITA' TELEMATICA

 

Organizzazione dell’amministrazione nella Pubblica Amministrazione, in generale, e nel modello universitario, in particolare. La partecipazione dell’Università in enti privati, con particolare riferimento a società controllate, in house providing e non
 

 

CODICE ATTIVITÀ: 11CP21

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

GLI OBIETTIVI

In questo intervento formativo verranno approfonditi i seguenti argomenti:
a) i principi che disciplinano l’organizzazione di una pubblica amministrazione, gli organi, gli uffici, il loro funzionamento, il rapporto organico e il rapporto di servizio, le relazioni intersoggettive e le relazioni interorganiche, con specifico riguardo anche alle istituzioni universitarie;
b) il concetto di "competenza", le sue diverse articolazioni e, soprattutto, le sue implicazioni, sotto il profilo operativo, con particolare riguardo all’esercizio dei poteri di delega, alla distinzione tra delega di funzioni e delega alla firma, ai poteri di avocazione e di sostituzione;
c) cenni sui difetti di competenza e breve disamina del funzionario di fatto;
d) la partecipazione delle pubbliche amministrazioni (e, in particolare, delle università) a società di diritto privato, secondo quanto previsto dalla disciplina speciale;
e) il modello delle società controllate e, in particolare, della "in house providing", alla luce dei recenti arresti di prassi e giurisprudenza.

 

       

I DESTINATARI

L'intervento formativo è rivolto ad un’ampia "platea" di destinatari ed, in particolare, al personale delle "Segreterie del Rettore" e del "Direttore Generale", al personale che svolge attività di supporto al funzionamento degli "Organi Collegiali", al personale addetto agli "Affari Generali" e alle "Risorse Umane", al personale addetto agli "approvvigionamenti", agli "appalti" e al perfezionamento di qualsiasi atto "contrattuale" o "convenzionale", al personale addetto sia alla "Area Didattica" che alla "Area Ricerca", al personale delle "Segreterie Amministrative dei Dipartimenti" e di altre articolazioni organizzative che curano, nell'ambito delle attività didattiche, il coordinamento di servizi comuni (Facoltà, Scuole, ecc.) e, più in generale, a tutti i "Responsabili dei Procedimenti" ed ai "Responsabili Unici dei Procedimenti" .

 

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

UniAMM
2° INCONTRO FORMATIVO 2020 IN MODALITA' TELEMATICA

LA DISCIPLINA IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

REGOLAMENTO DELL’UNIONE EUROPEA N. 2016/679 

E QUADRO NORMATIVO NAZIONALE DI RIFERIMENTO

 

CODICE ATTIVITÀ: 15CP20

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LA DENOMINAZIONE DEL PROGETTO

"UniAMM" è l’acronimo di "Amministrazione Universitaria", che rappresenta sia il contesto sia lo specifico oggetto di questa Comunità Professionale.

Il progetto proposto dalla Comunità Professionale "UniAMM" sarà realizzato utilizzando il "format" ormai consolidato delle altre Comunità Professionali del "Co.In.Fo." ("ISOIVA", "UniCONTRACT", "UniSOF", "UniSAN", "UniR.U.", "UniCOM" e "Segreterie 2.1"), con lo scopo di assicurare la crescita professionale del personale mediante la creazione e il rafforzamento di "Comunità di pratiche".

La Comunità Professionale "UniAMM" intende approfondire le più importanti tematiche del "Diritto Amministrativo", che non riguardano soltanto gli argomenti più tradizionali, quali, a  titolo esemplificativo e non esaustivo, le fonti del diritto, la organizzazione delle pubbliche amministrazioni, l'attività amministrativa in generale (principi costituzionali e normativi che ne costituiscono il fondamento, principali classificazioni e distinzioni, ecc.), i procedimenti, gli atti e i provvedimenti amministrativi e tutte le relative implicazioni, la tutela giustiziale e giurisdizionale, con specifico riguardo alla disciplina introdotta dal Codice del Processo Amministrativo, ma anche alcuni argomenti di grande attualità (diritto di accesso, tutela della privacy e protezione dei dati personali, prevenzione della corruzione e della trasparenza), al fine di migliorare le competenze e le conoscenze del personale tecnico-amministravo e la loro qualificazione professionale rispetto ai risultati attesi.

 

 

I CONTENUTI DELL' INTERVENTO FORMATIVO

In questo intervento formativo sarà esaminata la disciplina in materia di protezione dei dati personali, ai sensi del  "Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati)" ("RGPD"), in vigore dal 24 maggio 2016 e applicabile a decorrere dal 25 maggio 2018, e del Decreto Legislativo 10 agosto 2018, numero 101, che contiene le "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni contenute nel Regolamento (UE) 2016/679", con particolare riferimento agli adempimenti operativi, alle cautele, alle sanzioni, alle ispezioni del Garante, alla casistica applicativa (giurisprudenza e prassi del Garante) di interesse per le pp.aa. e, segnatamente, per il comparto universitario.

       

 

I DESTINATARI

L'intervento formativo è rivolto ad un’ampia "platea" di destinatari ed, in particolare, ai "Responsabili della Protezione dei Dati Personali",  ai soggetti “autorizzati al trattamento dei dati” (ex incaricati), al personale delle "Segreterie del Rettore" e delle "Segreterie del Direttore Generale", al personale che svolge attività di supporto al funzionamento degli "Organi Collegiali",  al personale addetto agli "Affari Generali" e alle "Risorse Umane", al personale addetto agli "approvvigionamenti", agli "appalti" e al perfezionamento di qualsiasi  atto "contrattuale" o "convenzionale", al personale addetto alla "Area Didattica", alla "Area Servizi agli Studenti" e alla "Area Ricerca" ed al personale delle "Segreterie Amministrative" dei "Dipartimenti" e di altre articolazioni organizzative che curano, nell'ambito delle attività didattiche, il coordinamento di servizi comuni (Facoltà, Scuole, ecc.).

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

UniCOM
2° INCONTRO FORMATIVO 2020 IN MODALITA' TELEMATICA

 

LA COMUNICAZIONE DEI SERVIZI

 

CODICE ATTIVITÀ: 22CP20

 

 

 

LE RAGIONI

La Comunità professionale UniCOM nasce nel dicembre 2019 dalla collaborazione tra AICUN, l’Associazione Italiana Comunicatori d’Università, che dal 1992 per statuto si occupa di comunicazione universitaria e della professionalizzazione dei suoi soci, e CO.IN.FO., consorzio specializzato nella formazione per la Pubblica Amministrazione e in modo particolare per il personale delle Università.

L’obiettivo è costruire percorsi formativi per la continua professionalizzazione di chi nei nostri Atenei si occupa di comunicazione, informazione e marketing come principale attività, ma anche per coloro che – pur lavorando in altri settori e nei diversi ambiti istituzionali – utilizzano strumenti e tecniche di comunicazione per relazionarsi con i loro pubblici di riferimento. Pensiamo per esempio a chi lavora nei Dipartimenti, nelle Scuole, nelle Biblioteche, nelle Segreterie o nei Centri di Ricerca.

Parlare di comunicazione universitaria significa parlare di un insieme di attività molto ampio che va dalla comunicazione istituzionale, alla comunicazione gestionale/organizzativa, alla comunicazione di marketing, alla comunicazione internazionale, al Customer Relationship Management (CRM), alle relazioni con gli Alumni, alle relazioni con i Media, al Social Media Management, alla gestione del web e della comunicazione digitale, all’organizzazione ed alla promozione degli eventi, alla comunicazione della ricerca, al Public Engagement e alla Terza Missione, alla comunicazione della didattica, alla comunicazione dei servizi, al Brand Image, alle ricerche di marketing, al Media planning, alla ideazione e realizzazione di materiali informativi e di pubblicazioni, all’orientamento e al tutorato, alle relazioni con il territorio e le imprese, agli stage e placement, al fund-raising.

Tutti questi temi ben si prestano per essere trattati in corsi di formazione destinati a professionisti del mestiere, ma anche, in forme diverse, a target trasversali, che per le loro attività intendono sviluppare e arricchire il proprio percorso professionale con alcune tra queste competenze anche ad un livello non particolarmente specialistico.

Un approccio “sostenibile” non orientato solo su idee ma su progetti di comunicazione, sostenibili e bilanciati nel contesto di riferimento con attenzione anche agli aspetti pratici, operativi “del come fare” e non solo “del cosa fare”.

Con la rivoluzione digitale che ha stravolto completamente il modo di comunicare e con il moltiplicarsi delle occasioni di comunicazione dirette e immediate è diventato sempre più urgente gestire la comunicazione a monte, mettendo le singole persone nelle condizioni di comunicare al meglio e in modo coordinato.

 

 

GLI OBIETTIVI

L’obiettivo principale di questo Corso è di offrire un’opportunità di crescita professionale a tutti coloro che all’interno dell’Ateneo si occupano a tempo pieno e come attività principale di comunicare - attraverso i vari canali e con differenti strumenti - i servizi che l’Ateneo offre a studenti, docenti, ricercatori e personale tecnico amministrativo nella struttura centrale di comunicazione, ma anche a coloro che nelle strutture periferiche (Dipartimenti, Scuole, Centri di Ricerca, Biblioteche, Segreterie) si trovano a dover comunicare in autonomia o a interagire con la struttura centrale per comunicare questo tipo di servizi, che coinvolgono singole strutture o settori dell’Ateneo.

 

      

I DESTINATARI

Il Corso di formazione è rivolto a Dirigenti, Funzionari, Responsabili di unità organizzative, specialisti della comunicazione e a tutto il personale interessato ad approfondire la conoscenza dei processi di comunicazione nelle Università.

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

UniCOM
1° INCONTRO FORMATIVO 2020 IN MODALITA' TELEMATICA

 

 ORGANIZZARE EVENTI IN UNIVERSITÀ

TRADIZIONALI O DIGITALI: QUAL È IL GIUSTO MIX?

 

CODICE ATTIVITÀ: 14CP20

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LE RAGIONI

La Comunità professionale UniCOM nasce nel dicembre 2019 dalla collaborazione tra AICUN, l’Associazione Italiana Comunicatori d’Università, che dal 1992 per statuto si occupa di comunicazione universitaria e della professionalizzazione dei suoi soci, e Co.In.Fo., consorzio specializzato nella formazione per la Pubblica Amministrazione e in modo particolare per il personale delle Università.

L’obiettivo è costruire percorsi formativi per la continua professionalizzazione di chi nei nostri Atenei si occupa di comunicazione, informazione e marketing come principale attività, ma anche per coloro che – pur lavorando in altri settori e nei diversi ambiti istituzionali – utilizzano strumenti e tecniche di comunicazione per relazionarsi con i loro pubblici di riferimento. Pensiamo per esempio a chi lavora nei Dipartimenti, nelle Scuole, nelle Biblioteche, nelle Segreterie o nei Centri di Ricerca.

Parlare di comunicazione universitaria significa parlare di un insieme di attività molto ampio che va dalla comunicazione istituzionale, alla comunicazione gestionale/organizzativa, alla comunicazione di marketing, alla comunicazione internazionale, al Customer Relationship Management (CRM), alle relazioni con gli Alumni, alle relazioni con i Media, al Social Media Management, alla gestione del web e della comunicazione digitale, all’organizzazione ed alla promozione degli eventi, alla comunicazione della ricerca, al Public Engagement e alla Terza Missione, alla comunicazione della didattica, alla comunicazione dei servizi, al Brand Image, alle ricerche di marketing, al Media planning, alla ideazione e realizzazione di materiali informativi e di pubblicazioni, all’orientamento e al tutorato, alle relazioni con il territorio e le imprese, agli stage e placement, al fund-raising.

Tutti questi temi ben si prestano per essere trattati in corsi di formazione destinati a professionisti del mestiere, ma anche, in forme diverse, a target trasversali, che per le loro attività intendono sviluppare e arricchire il proprio percorso professionale con alcune tra queste competenze anche ad un livello non particolarmente specialistico.

Un approccio “sostenibile” non orientato solo su idee ma su progetti di comunicazione, sostenibili e bilanciati nel contesto di riferimento con attenzione anche agli aspetti pratici, operativi “del come fare” e non solo “del cosa fare”.

Con la rivoluzione digitale che ha stravolto completamente il modo di comunicare e con il moltiplicarsi delle occasioni di comunicazione dirette e immediate è diventato sempre più urgente gestire la comunicazione a monte, mettendo le singole persone nelle condizioni di comunicare al meglio e in modo coordinato.

 

 

GLI OBIETTIVI

L’obiettivo principale di questo Corso è di offrire un’opportunità di crescita professionale a tutti coloro che all’interno dell’Ateneo si occupano a tempo pieno e come attività principale di organizzazione di eventi nella struttura centrale di comunicazione, ma anche a coloro che nelle strutture periferiche (Dipartimenti, Scuole, Centri di Ricerca, Biblioteche, Segreterie) si trovano a dover organizzare in autonomia o a interagire con la struttura centrale per l’organizzazione di eventi, che coinvolgono singole strutture o settori dell’Ateneo.

 

      

I DESTINATARI

Il Corso di formazione è rivolto a Dirigenti, Funzionari, Responsabili di unità organizzative, specialisti della comunicazione e a tutto il personale interessato ad approfondire la conoscenza dei processi di comunicazione nelle Università.

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

UniAMM
1° INCONTRO FORMATIVO 2020 IN MODALITA' TELEMATICA

 PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E TRASPARENZA AMMINISTRATIVA NEL SISTEMA UNIVERSITARIO.
ANALISI DEL QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO
E STUDIO DELLE PRASSI SEGUITE DALLA AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE (A.N.A.C.).
ESERCITAZIONI SULLA GESTIONE DEL RISCHIO ALLA LUCE DEL PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE
PER IL TRIENNIO 2019-2021.

 

CODICE ATTIVITÀ: 07CP20

 

 

LA METODOLOGIA DIDATTICA

L’azione formativa sarà condotta tramite webinar in diretta streaming. 

 

 

LA DENOMINAZIONE DEL PROGETTO

"UniAMM" è l’acronimo di "Amministrazione Universitaria", che rappresenta sia il contesto sia lo specifico oggetto di questa Comunità Professionale.

Il progetto proposto da "UniAMM" anche nel corrente anno sarà realizzato utilizzando il "format" ormai consolidato delle altre Comunità Professionali del "Co.In.Fo." ("ISOIVA", "UniCONTRACT", "UniSOF", "UniSAN", "UniR.U". e "Segreterie 2.1"), con lo scopo di assicurare la crescita professionale del personale mediante la creazione e il rafforzamento di "Comunità di pratiche".

La Comunità Professionale "UniAMM" intende approfondire le più importanti tematiche del "Diritto Amministrativo", che non riguardano soltanto gli argomenti più tradizionali, quali, a  titolo esemplificativo e non esaustivo, le fonti del diritto, la organizzazione delle pubbliche amministrazioni, l'attività amministrativa in generale (principi costituzionali e normativi che ne costituiscono il fondamento, principali classificazioni e distinzioni, ecc.), i procedimenti, gli atti e i provvedimenti amministrativi e tutte le relative implicazioni, la tutela giustiziale e giurisdizionale, con specifico riguardo alla disciplina introdotta dal Codice del Processo Amministrativo, ma anche alcuni argomenti di grande attualità (diritto di accesso, tutela della privacy e protezione dei dati personali, prevenzione della corruzione e della trasparenza), al fine di migliorare le competenze e le conoscenze del personale tecnico-amministravo e la loro qualificazione professionale rispetto ai risultati attesi.

 

 

I CONTENUTI DELL' INTERVENTO FORMATIVO

In questo primo intervento formativo del 2020 verranno approfonditi i seguenti argomenti:

  • la disciplina della prevenzione della corruzione, come introdotta dalla Legge 6 novembre 2012, numero 190 (cosiddetta "Legge Anticorruzione"), e successivamente definita, nel dettaglio, dai principali Decreti Legislativi di attuazione (Decreto Legislativo 14 marzo 2013, numero 33, Decreto Legislativo 8 aprile 2013, numero 39, e Decreto del Presidente della Repubblica 16 aprile 2013, numero 62), alla luce anche delle prassi seguite dalla Autorità Nazionale Anticorruzione, che verranno analizzate con particolare riguardo al sistema universitario;
  • la disciplina della trasparenza amministrativa, come definita dal Decreto Legislativo 14 marzo 2013, numero 33, la regolamentazione degli obblighi di pubblicazione e la disciplina dell’accesso civico, sia semplice che generalizzato, come definita dal Decreto Legislativo 25 maggio 2016, numero 97, anche alla luce del bilanciamento con il diritto alla protezione dei dati personali, ai sensi del "Regolamento (UE) 2016/679 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 27 aprile 2016 relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali, nonché alla libera circolazione di tali dati e che abroga la direttiva 95/46/CE (Regolamento generale sulla protezione dei dati)" ("RGPD"), in vigore dal 24 maggio 2016 e applicabile a decorrere dal 25 maggio 2018, e del Decreto Legislativo 10 agosto 2018, numero 101, che contiene le "Disposizioni per l'adeguamento della normativa nazionale alle disposizioni contenute nel Regolamento (UE) 2016/679".

 

      

 

I DESTINATARI

L'intervento formativo è rivolto ad un’ampia "platea" di destinatari, in particolare, ai "Responsabili della Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza", ai "Responsabili della Protezione dei Dati Personali",  al personale delle "Segreterie del Rettore" e delle "Segreterie del Direttore Generale", al personale che svolge attività di supporto al funzionamento degli "Organi Collegiali",  al personale addetto agli "Affari Generali" e alle "Risorse Umane", al personale addetto agli "approvvigionamenti", agli "appalti" e al perfezionamento di qualsiasi  atto "contrattuale" o "convenzionale", al personale addetto alla "Area Didattica", alla "Area Servizi agli Studenti" e alla "Area Ricerca" ed al personale delle "Segreterie Amministrative" dei "Dipartimenti" e di altre articolazioni organizzative che curano, nell'ambito delle attività didattiche, il coordinamento di servizi comuni (Facoltà, Scuole, ecc.).

 

     c/o Università degli Studi di Torino - Via G. Verdi, 8 - 10124 Torino TEL. 011/8129782- FAX 011/8140483

       E-mail: segreteria@coinfo.net    -    iniziative@coinfo.net                                    PEC: coinfo1@pec.it