Questo sito web utilizza i cookie per migliorare la navigazione. Per maggiori informazioni sui dati registrati dai cookie, si prega di consultare la nostra 

Attività in corso

LE COMMISSIONI ISPETTIVE INTERNE - STRUMENTI, TECNICHE, ESPERIENZE E CASI PRATICI NELLE UNIVERSITÀ - IN PROGRAMMAZIONE - Sapienza Università di Roma

 

BROCHURE

 

LOCANDINA

 

ISCRIZIONE

 

  

Corso di formazione

LE COMMISSIONI ISPETTIVE INTERNE

STRUMENTI, TECNICHE, ESPERIENZE E CASI PRATICI NELLE UNIVERSITA' 

CODICE ATTIVITÀ: 03AN20

 

RAGIONI E OBIETTIVI

Le attività delle Commissioni ispettive interne costituiscono un diretto strumento di verifica delle attività delle pubbliche amministrazioni e delle diverse realtà dell’Università, particolarmente utile per:
- incrementare la trasparenza amministrativa;
- prevenire e reprimere eventuali fenomeni corruttivi;
- eliminare dubbi e voci infondate e diffamatorie sull’andamento gestionale, garantendo l’onore e la reputazione degli operatori;
- correggere disfunzioni organizzative e comportamenti erronei;
- reingegnerizzare processi inefficienti.
Le attività delle commissioni, spesso, si basano su regole non scritte, facendo affidamento sulla professionalità, sulla competenza e sulla disponibilità dei singoli funzionari chiamati a ricoprire il ruolo di componenti; è opportuno, invece, definire sistematicamente criteri e modi con cui tale attività deve svolgersi in modo da orientarla, coordinarla, renderla omogenea e utilizzabile attraverso la definizione di precise indicazioni procedimentali, di prassi, di tecniche operative e redazionali atte a garantire il regolare svolgimento delle stesse e il corretto utilizzo del potere di accertamento ispettivo.
Occorre inoltre, esplicitare e ricondurre a principi generali le regole - di carattere etico e procedurale - che hanno la funzione di indirizzare l'operato dei componenti stessi in conformità ai principi di imparzialità e di buona amministrazione sanciti dalla Costituzione, nonché dai Codici di comportamento.
L’incontro, pertanto, sarà prevalentemente connotato da un taglio pratico e gli istituti oggetto del programma saranno trattati attraverso l’esame di fattispecie concrete e nella prospettiva della disseminazione dei risultati delle migliori pratiche amministrative in tema; saranno inoltre esaminati i casi e le prassi che ciascun partecipante vorrà sottoporre ai relatori e alla discussione generale, al fine di un utile confronto; sono previsti elementi esercitativi.

 

DESTINATARI

Il Corso di formazione è rivolto a responsabili e referenti anticorruzione; responsabili e funzionari uffici disciplinari e uffici affari legali; segreterie di direzione generale; dirigenti; funzionari direttivi, responsabili di strutture e di articolazioni centrali e decentrate (RAD, RAU), capi ufficio, capi settore, componenti di commissioni o gruppi ispettivi. Il Corso è rivolto ad un massimo di 25 partecipanti.

 

 

 

Letto 211 volte

 

     c/o Università degli Studi di Torino - Via Verdi, 8 - 10124 Torino TEL. 011/6702290-91 - FAX 011/8140483

    E-mail: segreteria@coinfo.net - iniziative@coinfo.net       PEC: coinfo1@pec.it

SEGUICI SU